Mezquita di Cordoba

Cordoba, Spagna • Febbraio 2018

#VAL_START#4#VAL_END#

In breve

La Mezquita di Cordoba è certamente l’attrazione più importante e rinomata della città andalusa. Imponente, meravigliosa ma anche accessibile? Scopriamolo.

La Mezquita di Cordoba è l’espressione più alta dell’architettura islamica in occidente. La straordinarietà di questa moschea-cattedrale deriva dal fatto che alla bellissima costruzione musulmana si sono aggiunti stili rinascimentali, gotici e barocchi.
Dall’ingresso si entra immediatamente nel Patio De Los Naranjos, un bellissimo cortile piantumato con alberi di arancio.
Ai lati del patio è presente la biglietteria.

La peculiarità principale della Mezquita si percepisce immediatamente appena si varca la soglia del suo ingresso principale: una spettacolare infinità di colonne, circa 850, di marmo e granito che formano una serie di archi di pietra bianca e rossa. Le colonne e i suoi archi sembrano degli alberi di palme che si aprono a ventaglio nella sala.
Proseguendo verso il centro si arriva allo stallo del Coro, con a sinistra la Crociera. Dinnanzi allo stallo sorge la Cappella Maggiore originaria dinnanzi alla quale si erge la Cappella Reale voluta nel 1371 da re Enrico per dar sepoltura a Alfonso XI e Ferdinando IV.

Elemento di grande rilievo all’interno della moschea è la qibla, il muro che sarebbe orientato verso la Mecca, indicando in questo modo il luogo in cui pregano i fedeli. 
Di suggestiva bellezza è anche il mihrab, la nicchia che custodisce il corano. 
Al di sotto della moschea-originaria è possibile ammirare il sito archeologico di San Vincenzo con alcuni importanti reperti storici.

Nel cuore della Moschea si erge una Cattedrale Cristiana, realizzata nel XVI secolo su decisione del Vescovo del Duomo che desiderava un santuario più sontuoso all’interno della Mezquita. Come accadde per altri edifici, anche la costruzione di questa sala ha significato una dimostrazione artistica del trionfo del Cristianesimo sull’Islam. La realizzazione della Cattedrale, sebbene di grande pregio, non venne apprezzata affatto da Carlo V, che al suo ritorno esclamò adirato che era stato distrutto un capolavoro dell’arte per costruire qualcosa di molto comune.
Concordo.
Il Tesoro della Cattedrale si trova nella Capilla del Cardenal ed è formato da opere risalenti ai secoli XV fino al XX, tra cui spicca la spettacolare opera riguardante la custodia del Corpus Christi di Enrique de Arfe. 
È in oro ed argento, pesante circa 200 chili; viene trasportato per le vie della città il giorno del Corpus Domini.

Al di fuori della Moschea invece (sempre all’interno delle sue mura) si apre il Patio degli Aranci, l’antico patio delle abluzioni musulmane che poi cederà il posto al patio cristiano.
Da non dimenticare, infine, di dare uno sguardo verso la splendida 
Torre del Campanile, vero simbolo della città. 

La Mezquita è davvero una tappa imperdibile se si intende visitare Cordoba.

Ancor prima di accedere dentro questa meraviglia noto un dettaglio piacevole: agli ingressi sono posizionate alcune sedie a rotelle messe a disposizione di tutti gratuitamente. Bravi!
All’interno poi non ho trovato traccia di barriere architettoniche e l’ottima sensazione provata fin da subito viene confermata: la Mezquita è davvero accessibile a tutti.

Foto della Mezquita di Cordoba

I PIÙ RECENTI

Gli articoli più recenti pubblicati sul blog